7/8 APRILE: ANCORA DERBY

SERIE A2

CASTELNUOVO-COSTA (Sabato 7, ore 21.00)

QUI COSTA – A soli 3 giorni dal derby vinto col Sanga, che ha comportato non poco dispendio di energie, anche se meno che in altre edizioni della sfida, la B&P (nuovamente priva di Visconti) è chiamata a una prova ancora più difficile, sul campo della quarta in classifica. Castelnuovo, con elementi come Madonna, Katshitshi, Ljubenovic, è squadra dal talento all’altezza di chiunque nel girone: di recente lo ha dimostrato, ad esempio, vincendo a Sesto e dominando Crema. Ma è anche imprevedibile in negativo, pagando dazio a giornate di blackout che le hanno impedito di stare al passo con le leader del campionato.
All’andata, a Costa, le piemontesi si arresero senza troppi sussulti; poi sono indubbiamente cresciute, ma nel turno pasquale hanno perso inopinatamente a Bolzano (e prima ad Alpo). Proprio per questo però, avranno ulteriori motivazioni a mettere bastoni fra le ruote della corsa-promozione di Costa. Che se passa indenne questo test, da parte sua, vedrà davvero vicina la possibilità di giocarsela fino all’ultima giornata…

COACH PIROLA: “Castelnuovo per me è una super squadra: ha una vera pivot come Katshitshi, un’ala grande difficilmente interpretabile per le difese come Ljubenovic, esterne pericolose come Rosso e Madonna, un play come Corradini che all’andata non c’era e ha risolto molto per loro. Anche ottimi cambi. Insomma una squadra molto ben fatta. Prevedo una partita punto a punto. Maggior freschezza loro? Può darsi, ma in questo periodo della stagione non è detto che sia uno svantaggio giocare a distanza di 3 giorni. Conta di più il fatto che avremo motivazioni forti sia noi che loro. E dunque sarà battaglia”.

 

SANGA VS CARUGATE (Sabato 7, ore 18.00)

QUI SANGA – Altro derby in arrivo per Il Ponte Casa d’Aste che attende la visita di Carugate, palla a due sabato alle 18 al PalaGiordani. Sfida davvero complessa per le padrone di casa che provano a riprendere la marcia dopo la sconfitta nel turno infrasettimanale contro la corazzata Costa Masnaga. Il solito carico di infortuni, ancora convalescente Guarneri, sempre out Canova e Grassia, e le energie profuse nelle finali U20 non agevolano le ragazze di coach Franz Pinotti. Attese da un Carosello in lotta disperata per la permanenza nella categoria.
Sarà necessaria grande lucidità e tenuta nervosa, avversarie che cercheranno di arginare l’attacco milanese con prevedibili ampi brani di zona orchestrati con sapienza dall’ex coach Orange Piccinelli (altre “ex” sul fronte ospite sono Albano e Rossini). Da temere l’impatto delle lunghe ospiti, con Zelnyte sorvegliata speciale, ma attenzione anche all’esperienza ed alla solidità di Fabbri.

COACH PINOTTI: “Temo molto questa sfida contro una squadra che cercherà di strappare punti fondamentali per la loro corsa salvezza. Noi siamo un po’ a corto di energia, sia a causa degli infortuni che delle sforzo sostenuto lo scorso fine settimana dalle più giovani nelle finali U20. E’ il momento però decisivo della stagione, per noi battere Carugate rappresenterebbe un tassello fondamentale per tenere la posizione che ambiamo in classifica. Le nostre avversarie dirette sembrano tutte molto in forma, dovremo essere lucidi ed attenti per evitare cali di tensioni e per non farci aggredire da Carugate che preparerà sicuramente qualche zona per limitare il nostro attacco”.

QUI CARUGATE – Un mese fa sembrava fosse arrivata finalmente la svolta, in casa Carugate, con la vittoria contro Selargius e il ribaltamento del vantaggio negli scontri diretti. Una gran bella pallacanestro, quella espressa dalle ragazze di coach Piccinelli in Sardegna. Poi però, sono seguite tre sconfitte consecutive. Una, forse, inevitabile contro Costa Masnaga. L’altra evitabile, a Udine, e infine l’ultima contro Albino, al Palasport di Carugate: sembrava la partita ideale per rompere il digiuno in casa che dura ormai da sette mesi, e invece anche in questo caso è arrivata la sconfitta. Adesso c’è Sanga, reduce dal ko netto contro Costa, 74-61. Le milanesi occupano il settimo posto in classifica a quota 30, parimerito con Vicenza, si sono classificate quarte al torneo Under 20 e devono guardarsi le spalle da Marghera e Udine, appaiate a 28 punti.
Le ragazze di coach Pinotti giocheranno per vincere, all’andata si imposero 49-60 a Carugate con 14 punti e 11 rimbalzi di Maffenini, 11 di Canova e dieci giocatrici a referto. Dall’altra parte a nulla erano serviti i 18 punti di Zelnyte e i 13 di Albano. Certo, Carosello era una squadra diversa. C’erano in campo Antonella Contestabile e Martina Zolfanelli. Oggi c’è Valentina Fabbri in mezzo all’area, un innesto che nelle prime partite ha portato sicuramente un miglioramento all’interno del gruppo, d’altronde nessuno può vantare sottocanestro una coppia di torri gemelle come lei e la lituana. Come detto però, dopo la bella vittoria in terra sarda, sono riemersi i vecchi fantasmi. La classifica è tornata a preoccupare: le biancoblu sono ultime a 10 punti con San Martino. Mancano 5 partite: il conto alla rovescia è già iniziato

COACH PICCINELLI: “Abbiamo cinque partite da vincere e una montagna da scalare. Ma la montagna non sono le avversarie, siamo noi. Anche contro Albino abbiamo dimostrato che tutto dipende da noi. Facciamo e poi disfiamo. Credo che fisicamente siamo superiori a Sanga, possiamo giocarcela anche se in trasferta ma prima di battere loro sul campo dobbiamo sconfiggere i nostri fantasmi che abbiamo nella testa. E secondo me quando riusciremo a farlo scopriremo che era molto più facile di quanto credessimo.
Detto questo per me è un piacere ritrovare Sanga, che ho allenato per tre anni, così come è un piacere ritrovare Giulia Maffenini, senz’altro la giocatrice più pericolosa. Infine mando un pensiero alla nostra Francesca Macalli, che si è infortunata al piede e la cui stagione ormai è finita. Per fortuna non dovrà operarsi ma mi dispiace perché è una 2002 molto promettente, peraltro proprio contro Sanga aveva realizzato i primi due punti della sua carriera in serie A”.

Leggi il preview completo qui (del Sanga, comprese giovanili con le finali U20):

 

SERIE B

BFM VS GIUSSANO (Domenica 8, ore 17.45)

QUI BFM – Ultima sfida di alto profilo per il campionato di BFM Milano che ospita Giussano nel quart’ultimo turno del torneo. Partita complessa quella in arrivo al PalaIseo, milanesi che avranno di fronte una squadra che gioca un basket piacevole e molto efficace. Non a caso le brianzole restano saldamente ancorate al quarto posto in classifica e sono reduci da un girone di ritorno di grande spessore. Ben nove successi su undici uscite per le biancoblu, sconfitte solo dalla corazzata varesina e da Milano Basket Stars.
Obbiettivo reale per le Poiane quello di difendere la seconda posizione alle spalle della già promossa Varese, per Ranzini e compagne richiesta la solita abnegazione difensiva per arginare l’attacco, spesso brillante, della formazione ospite. Non disponibili come sempre capitan Gottardi e la giovane Zumaglini.

COACH PETITPIERRE: “Rispetto molto la nostra avversaria di domenica, giocano da sempre un basket molto gradevole soprattutto in attacco dove sanno crearti molti problemi. Per questo servirà l’abituale concentrazione difensiva, fatta di grande lavoro collettivo che, spesso, abbiamo saputo realizzare in questa pur tormentata stagione. Viste le nostre difficoltà offensive a maggior ragione dovremo cercare di evitare passaggi a vuoti, altra caratteristica che ci ha impedito di chiudere partite che stavamo ampiamente controllando. Difendere il secondo posto dall’assalto di Lodi resta per noi punto di arrivo e di orgoglio per il finale di stagione”.

QUI GIUSSANO – In archivio la pausa per le feste di Pasqua, il campionato riparte per la fase conclusiva, le ultime 4 partite di una stagione già chiusa da tempo e che ha sancito la promozione in A2 di Varese. Trovare stimoli non è facile ma le sfide importanti non mancano, su tutte quella di domenica alle 17.45 al PalaIseo tra Basket Femminile Milano e Outsourcing Giussano, due formazioni che prima del via del torneo erano tra le favorite per quel primo posto che valeva il salto di categoria.
Le milanesi sono seconde in classifica con 42 punti, hanno la miglior difesa del torneo e sono reduci dal successo di Biassono, l’Outsourcing viene dalla tripletta Mantova-Brixia-Fortitudo Brescia ed è quarta da sola a quota 36. L’obiettivo delle OF Girls è proseguire questa striscia, difendere o magari migliorare la posizione in classifica (Lodi terza a +4) e soprattutto provare a vendicare il ko dell’andata in casa, quando la formazione allenata da Petitpierre si impose 63-54 in una sfida con un finale turbolento e che costò tre turni di squalifica a Giulia De Cristofaro.

COACH GUALTIERI: “La squadra sta abbastanza bene e si è allenata regolarmente senza intoppi dopo lo stop per Pasqua. La partita non conta per la classifica ma vale sicuramente per il prestigio: questa con BF Milano e la prossima con Lodi sono sfide che ci teniamo a vincere per dare maggior lustro al nostro campionato e rafforzare il quarto posto. Chiaro che ci fossero stati i playoff questo finale di stagione sarebbe stato più interessante, trovare le motivazioni non è semplice ma in ogni caso scendiamo in campo sempre per vincere. Secondo me Milano avrebbe potuto lottare di più con Varese però i cambiamenti in squadra e alcune sconfitte hanno compromesso il loro cammino”.

 

MANTOVA VS STARS (Sabato 7, ore 21.00)

QUI STARS – Continua la corsa di Milano Basket Stars verso il possibile quarto posto finale. Per le ragazze biancorosse sfida diretta con Mantova, che dirà molto sulle possibilità di realizzare l’ultimo obbiettivo stagionale della truppa di coach Stefano Fassina. Mantovane che, dopo uno spumeggiante avvio di stagione, hanno accusato qualche difficoltà, restando però avversario difficile, specie a domicilio. Squadra di grandi potenzialità offensive la San Giorgio che, guidata dal talento di Giulia Monica, sta ottenendo da matricola risultati più che lusinghieri.
Per capitan De Gianni e compagne ultima sfida di alta classifica, prima del rush finale di campionato con le trasferte di Usmate e Trescore, in mezzo la sfida con Brescia sponda Fortitudo. Truppa quasi al completo, possibile il forfait di Brioschi che verrà valutata prima della gara, e di alcune U18, impegnate nella rincorsa agli spareggi di categoria.

COACH FASSINA: “Affrontiamo una partita di prestigio, contro una squadra che ha fatto un grande campionato ed è rivale diretta per arrivare al quarto posto, nostro obbiettivo per il finale di stagione. Mantova è squadra dal grande talento offensivo, con diverse giocatrici capaci di andare a referto con continuità. All’andata giocammo un’ottima partita difensiva, riuscendo a mettere qualche granellino nei loro ingranaggi. Proveremo a ripeterci, sfruttando le nostre armi e qualità, con la necessità di giocare una partita molto intensa fatta di grande concentrazione e lucidità”.

VITTUONE VS BRESSO (Sabato 7, ore 18.00)

QUI VITTUONE – Smaltita la pausa per le festività pasquali, la Computer Design torna in campo per affrontare Bresso, altra formazione che orbita nel gruppone di medio-bassa classifica. L’Opsa, ormai da tempo certa della permanenza in serie B, è reduce da sei sconfitte consecutive. L’ultima vittoria è datata 11 febbraio, ma è arrivata contro una formazione di fascia alta come le Milano Basket Stars. Nulla da dire per questo campionato, assegnato proprio prima di Pasqua a Varese: si gioca solo per ottenere il miglior piazzamento possibile. Vittuone al momento è la miglior alternativa a Villasanta nella corsa al settimo posto, ma anche entrare nella metà alta della classifica sarebbe motivo d’orgoglio per la giovanissima truppa di Roberto Riccardi. All’andata la Computer Design ottenne un importante successo per staccare la zona bassa della graduatoria; buonissima serata al tiro e il trio composto da Corbetta, Cantone e Dal Verme che andò in doppia cifra, mentre sul fronte opposto pesò l’assenza di Kuzmaite.

COACH RICCARDI: “Avrò possibilità di scelta. Tutte le ragazze sono pienamente disponibili, eccezion fatta per Doz che è reduce da febbre e influenza. Quella contro l’Opsa sarà una gara con poche aspettative: giochiamo, e giocheremo, per avere la miglior classifica possibile ma anche per preparare al meglio lo spareggio Under 18 valido per l’accesso all’interzona.
Mi sembra che le loro prestazioni, a salvezza raggiunta, siano state discontinue e legate alla presenza o meno di alcune delle loro giocatrici di riferimento, Kuzmaite su tutte. Penso però che vorranno rifarsi della sconfitta subita all’andata quando avevano subito tantissimo nostra pressione”.

 

MARIANO VS TRESCORE (Domenica 8, ore 18.00)

QUI MARIANO – Appuntamento casalingo per le biancoverdi che domenica alle ore 18 attendono il Don Colleoni Trescore. Partita che si preannuncia effervescente, grazie alla giovinezza e alla freschezza delle due compagini e che già all’andata regalò vari rovesciamenti di fronte, fino alla resa finale del team guidato da coach De Milo (50 a 47 per le bergamasche). Le marianesi persero quindi in volata, punite da una prova maiuscola del play Carrara e della solita Maria Locatelli, vero perno della squadra di Guido Cantamesse. Obiettivo della Ims, a 4 turni dal termine del campionato e con la salvezza già in saccoccia, sarà quello di migliorare la classifica, guadagnando un’altra posizione, con Trescore che al momento affianca in graduatoria proprio le biancoverdi a quota 22.

COACH DE MILO: “Dopo la sosta pasquale ci presentiamo a questo appuntamento con tanta voglia di fare bene. Ricordiamo la partita dell’andata nella quale perdemmo con un finale piuttosto concitato e nel quale ci fu parecchia bagarre. Il nostro obiettivo sarà quello di vincere e cercare di ribaltare la differenza canestri, portando un altro mattoncino utile alla classifica, nonostante ormai il nostro obiettivo stagionale sia stato raggiunto”.

 

FORTITUDO BRESCIA VS USMATE (Sabato 7, ore 20.30)

QUI USMATE– La pausa pasquale ha permesso ad Usmate di rifiatare e recuperare la condizione fisica per gli ultimi 4 impegni dell’anno. A partire dalla trasferta tutt’altro che semplice di Brescia (domani ore 20.30, in via Nullo): la Fortitudo, già retrocessa in Serie C, ha conquistato le sue 3 vittorie nell’ultimo mese e mezzo e per questo motivo sarà tutt’altro che avversaria arrendevole; Pavanello è la giocatrice di maggior talento, ma attenzione anche a Bona, Zanda e Iuliano, le giocatrici più pericolosi di una squadra che fatica a fare bottino (45 punti a gara). Già recuperata nell’ultimo turno di campionato, nessun problema di formazione per Usmate.

COACH MANNIS: “Ci troviamo nella medesima situazione da qualche settimana a questa parte, ma anche con il desiderio e l’obiettivo di riprendere a vincere; ci attende una partita non semplice: la Fortitudo venderà sicuramente cara la pelle ed ha dimostrato di essere in crescita nelle ultime gare. Noi abbiamo ricaricato le pile nella pausa pasquale e ci prepariamo a questo ultimo mese lavorando sul miglioramento di squadra ed individuale”.

 

SERIE C

LEGNANO VS CANTU’ (Domenica 8, opre 18.30)

QUI CANTU’ – Trasferta per le furie rosse che domenica andranno a far visita a Legnano, in una sfida dal sapore salvezza. Le due squadre infatti occupano il penultimo posto a quota 8 punti e la gara in questione potrebbe decretare la salvezza matematica del team allenato da coach Rossi. Già all’andata la compagine canturina mancò di poco la vittoria e sicuramente venderà cara la pelle nell’occasione, per spuntarla in un match così importante.
Tuttavia per alcuni aspetti l’incontro si presenta in salita per il Btf che si troverà priva della propria lunga Lidia Arduini (finita la stagione per lei) e che dovrà gioco forza puntare su Legouffe, a sua volta non al pieno della condizione. Partita dura ma non impossibile quindi per le canturine che dovranno limitare al minimo gli errori se vorranno spuntarla su un campo non certo facile come quello del Carroccio.

COACH ROSSI: “E’ una gara alla nostra portata che all’andata buttammo letteralmente via. Seppur decimate nell’organico, dovremo limitare le pause che ci contraddistinguono per potercela giocare sino in fondo, in un campo non certo semplice e che ci vide faticare anche la scorsa stagione. La chiave del match sarà limitare le loro guardie, non particolarmente fisicate ma molto veloci e con buone attitudini offensive, mettendole nel contempo in difficoltà in area dove sono meno attrezzate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *