PINK BASKET È IL MAGAZINE DEDICATO ALLA PALLACANESTRO FEMMINILE.

È ONLINE, MENSILE, GRATUITO. IL BASKET È PINK!

PINK BASKET N8/PREVIEW

INSIDE A1

GUERRE STELLARI

Schio e Ragusa ancora finaliste, si tratta della quarta finale scudetto tra le due potenze del nostro basket. Schio per il decimo, Ragusa per il primo storico tricolore. E sarà anche l’ultima finale della regina Masciadri. T>anti ingredienti che speriamo ci regalino una finale eccezionale. Approfondimento di Giuseppe Errico.

 

 

 

 

FOCUS

L’ARBITRO È DONNA

Silvia Marziali è la più luminosa rappresentante della classe arbitrale nostrana. Prima italiana a diventare arbitro Fiba. Medico. Una donna determinata e preparata, che ama stare in campo senza ma e senza se. Approfondimento di Alice Pedrazzi.

COVER STORY

UN TESORO DI NOME WOJTA

Lo scudetto a Lucca, due grandi stagioni a Broni: conosciamo meglio la giocatrice ideale, come la definiscono compagne e addetti ai lavori. Quella che si porta la squadra dentro. “Sì, adesso in Italia mi sento a casa”. Intervista di Giulia Arturi.

 

 

INSIDE A2

L’ORA DELLA VERITA’

Costa Masnaga e La Spezia conquistano il primato in stagione regolare. Ma il 1° maggio partono già i playoff: la corsa alle tre promozioni è apertissima. Tempo anche di playout con due retrocessioni da evitare, dopo le quattro già sancite. Bilanci e prospettive per tutte le squadre a cura di Manuel Beck.

 

PRIMO PIANO

VIAGGI E MIRAGGI

Zampieri, dopo il doloroso addio a Broni è rinata ad Alpo. Testarda, ambiziosa e con una smisurata voglia di vincere, Arianna ci racconta il lungo viaggio cestistico che l’ha riportata nel suo Veneto. Primo piano disegnato da Bibi Velluzzi.

 

 

ALTRI MONDI

LUCCHESI LAB

Selezione e crescita dei giovani prospetti, il momento del basket femminile, i problemi del reclutamento. Oltre ai progetti come BasketLab, Pink Basket ospita Giovanni Lucchesi per una conversazione a 360 gradi sul futuro del basket in rosa. Intervista di Marco Taminelli.

 

STORIE

LA FEDELTA’ DI VIVI

Viviana Ballabio ha militato nella grande Pool Comense dal 1983 al 2002 esordendo in A1 all’età di 16 anni. Nel 2011 è riscesa in campo, divenendo l’unica donna ad aver giocato con la stessa maglia nei quattro decenni tra gli anni ottanta e i duemila. Caterina Caparello ci racconta la sua storia.

 

 

 

 

(SA)TIRO SULLA SIRENA

IL PROSSIMO DECENNIO DEL BASKET FEMMINILE

2020: La Reyer vince lo scudetto perché Brugnaro è il più rapido a sfruttare le nuove tendenze sul Gender free e schiera in Finale la squadra di A1 maschile… Il nuovo pezzo sarcastico di Paolo Seletti.

PALLA E PSICHE

MESSAGE IN A BOTTLE

Il discorso pre-partita perfetto non esiste. Sappiamo di coaches che hanno tentato di imparare a memoria quello di Al Pacino in Ogni Maledetta Domenica, con esiti catastrofici per la propria credibilità e per il rendimento della squadra. Non perdete la rubrica di spicologia sportiva a cura di Psicosport.